Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata » Login | Registrazione
Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
In uscita
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici

Newsletter
Iscrivendoti alla mailing list di Spirali, sarai sempre informato sulle novità editoriali e sulle attività promosse dalla casa editrice.


Archivio newsletter

Feed RSS
Cosa sono?

Agenda
Atom Atom
Atom RSS

In uscita
Atom Atom
Atom RSS

Novità

Atom Atom
Atom RSS

Promozioni

Atom Atom
Atom RSS



Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Jean Oury
 
Jean Oury
 
Jean Oury

mapage.noos.fr/michaud001/GTpsy_1.html

Pdf Stampa Biografia

Jean Oury, psicanalista dell'Ecole Freudienne de Paris, è il fondatore della scuola di psicoterapia istituzionale e dirige la clinica di La Borde a Court Cheverny, in cui avviene il confronto più interessante e efficace tra la clinica psicanalitica e i problemi posti dalla pratica quotidiana in un collettivo psichiatrico.

Jean Oury è nato a Parigi nel 1924. Dal 1947 vive in contatto permanenete con i ricoverati, prima all'ospedale di Saint-Alban (Lozère), poi, dal 1949 al 1953, alla clinica di Saumery (Loir-et-Cher) e quindi a La Borde, clinica da lui fondata nel 1953 a Cour-Cheverny. A Parigi dopo gli studi di medicina incontra nel 1947 Jacques Lacan, Ajuriaguerra e Tosquelles. Discepolo e amico di quest'ultimo, fonda con lui e con qualche altro psichiatra nel 1960 il "GTPsy" da cui prende l'avvio una teoria della "Psicoterapia Istituzionale", in cui viene articolato, nella pratica, l'apporto feudiano elaborato da Lacan. I suoi lavori, sia al "GTPsy" sia in riviste specializzate, si sono sempre inscritti in una pratica psichiatrica di consultazioni e di organizzazione della vita colletiva istituzionale.
Di Jean Oury sono usciti in Italia Psichiatria e psicoterapia istituzionale (Marsilio) e, con Spirali La psicosi e il tempo (1980); Babele e Pentecoste. La scrittura della psicosi (1983); Psicosi e logica istituzionale. "Il collettivo" (1988); Creazione e schizofrenia (1992).
Ha dato importanti contributi in molti congressi, fra cui quelli di Zurigo (1957), Barcellona (1958, 1966), Montpellier (1973), Milano (1973 Follia e società segregativa, 1974 Psicanalisi e semiotica, 1975 Sessualità e politica, 1976 La follia, 1977 Violenza e psicanalisi, 1978 Dell'arte... i bordi, 1980 L'inconscio, 1981 Il sembiante), Roma (1982 La cultura), Parigi (1979 L'intellettuale, 1980 La verità, 1982 La voce e il sesso).
Ha sempre partecipato molto attivamente al movimento di pedagogia istituzionale, con il fratello Fernand Oury.
Famosa è la sua descrizione del depresso attraverso questa immagine: "Un uomo sta seduto sul bordo di un abisso, le gambe penzoloni nel vuoto e lo sguardo rivolto verso il basso; la voragine che si apre davanti a lui è nera, fredda e buia; anche sforzando la vista non si arriva a vederne il fondo; l'uomo è perso nella contemplazione di questo nulla e non si riesce a distoglierlo dalla sua fissità".

Ha pubblicato con Spirali:
Creazione e schizofrenia (1992)
Psicosi e logica istituzionale. "Il collettivo" (1988)
Babele e Pentecoste. La Borde e la scrittura della psicosi (1982)
La psicosi e il tempo (1980)

Articoli pubblicati sulle riviste edite da Spirali