Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata » Login | Registrazione
Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
In uscita
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici

Newsletter
Iscrivendoti alla mailing list di Spirali, sarai sempre informato sulle novità editoriali e sulle attività promosse dalla casa editrice.


Archivio newsletter

Feed RSS
Cosa sono?

Agenda
Atom Atom
Atom RSS

In uscita
Atom Atom
Atom RSS

Novità

Atom Atom
Atom RSS

Promozioni

Atom Atom
Atom RSS



Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Sandro Trotti
 
Sandro Trotti
 
Sandro Trotti

www.sandrotrotti.com

Pdf Stampa Biografia

Pittore, ideatore dei "crates", parola inventata dal critico Emilio Villa che descrive l'uso dei tratti fini a pennello raffiguranti geometrie simili a vele.

Sandro Trotti Ŕ nato a Monte Urano (AP) nel 1934. Trasferitosi a Porto San Giorgio con la famiglia, comincia a disegnare. Nel 1949 Ŕ a Roma e si iscrive al Liceo Artistico di Stato, dove si diploma nel 1953. Frequenta Domenico Purificato, allora assistente di Capogrossi, suo professore di Liceo; Pericle Fazzini e Sante Monachesi, suoi coetanei e Corrado Cagli. Conosce casualmente Luigi Montanarini, futuro direttore dell'Accademia di Belle Arti di Roma; fra i due nasce una lunga ed intensa amicizia.
Trotti, in questo periodo, si interessa a Matisse e ai cubisti; la sua pittura Ŕ fortemente indirizzata allo studio del colore intenso come struttura compositiva del quadro, in cui cerca di conciliare una visione sensuale della realtÓ con un linguaggio plastico che lo trasfiguri. I suoi temi sono fino al 1949 gli argani, le mucche e le donne.
Nel 1958 realizza esperienze fotografiche con Alberto Grifi sulla simultaneitÓ del gesto pittorico, da cui derivano gli olii astratti su vetro e su cellophane, in cui il pittore ricerca la contemporaneitÓ di pitture diverse su piani diversi. Nel 1965 la serie delle grandi tele astratte ad olio si arricchisce di materia intrecciata, battezzata da Emilio Villa "crates", in cui la ritmica segnica prepara l'orditura strutturale dell'intervento cromatico.
Nel 1974 Durante un soggiorno estivo a Porto San Giorgio, Trotti comincia a disegnare le mucche, sul tema giÓ trattato negli anni precedenti e a rielaborare il tema degli argani, che trovano il proprio ritmo in fantastici equilibri spaziali. da questo momento in poi la sua poetica trova nuova linfa nelle ricerche cromatiche applicate ai ritratti di donne e ai nudi.

Ha pubblicato con Spirali:
La celebrazione della vita (2006)
La materia del sublime (1992)

Articoli pubblicati sulle riviste edite da Spirali
Echi di stampa