Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata » Login | Registrazione
Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
In uscita
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici

Newsletter
Iscrivendoti alla mailing list di Spirali, sarai sempre informato sulle novità editoriali e sulle attività promosse dalla casa editrice.


Archivio newsletter

Feed RSS
Cosa sono?

Agenda
Atom Atom
Atom RSS

In uscita
Atom Atom
Atom RSS

Novità

Atom Atom
Atom RSS

Promozioni

Atom Atom
Atom RSS



Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Gioco e lavoro
Vittorio Mathieu
Gioco e lavoro
Aggiungi alla wishlist
Anno: 1989
Pagine: 200
Prezzo: € 12,91
Dimensioni: cm 14,0x21,0
Legatura: brossura

Collana: l'alingua
ISBN: 8877702710

Estratto del libro
La storia dell'uomo che lavora è una storia recentissima, non soltanto rispetto a tutta la storia – quella della terra o, addirittura, a quella del cosmo – ma anche rispetto alla storia dell'uomo stesso. Quest'ultima, secondo gli antropologi, risale a milioni di anni fa, mentre la storia dell'uomo che lavora risale, sostanzialmente, al neolitico – neppure al paleolitico –, quindi a cinque o sei milioni di anni or sono: poche migliaia di anni, rispetto ai milioni di anni, alle centinaia di milioni di anni che rappresentano la storia del cosmo. Se paragoniamo la lunghezza di questa storia a una grande enciclopedia in moltissimi volumi, la vita compare soltanto nell'ultima pagina e l'uomo – in particolare l'uomo che lavora – compare nelle ultimissime righe: nelle ultime parole dell'ultima pagina di questa enorme enciclopedia [...].
L'evoluzione che porta all'organizzazione del lavoro si accompagna e si lega strettamente all'evoluzione che porta al tipo umano di organizzazione sociale, che si complica, con tanti svantaggi, ma riesce anche a fare fronte sempre meglio all'imprevedibile, a situazioni che, addirittura, non si sono mai verificate, ma che sono conseguenza della stessa organizzazione umana: come fa la stessa progettazione.
[...] Negli uomini, il gioco nasce da questa situazione di rapporti complicati, in cui ognuno progetta per sé; a volte progetta anche per altri, ma non sa mai bene, data tanta varietà, come gli altri reagiranno.
Così, la nostra progettazione deve continuamente adattarsi alla risposta degli altri, che dipende da ciò che stanno progettando – cosa comunissima nella vita sociale. Quello che fa un commerciante dipende da ciò che fanno gli altri commercianti dello stesso ramo e di altri rami: egli deve progettare il futuro della sua azienda, prevedendo quello che faranno gli altri, prevedendo lo genericamente. Non può prevederlo precisamente perché, a loro volta, gli altri prevedono quello che fa lui e quello che fanno, in genere, i commercianti di quel ramo o di rami che, comunque, influiscano su quel tipo di commercio.
Quarta di copertina
Due giornate di dibattito intorno a Gioco e lavoro. Sono state un gioco? Sono state un lavoro? Impossibile rispondere.
Questa impossibilità è anche la tesi che il relatore ha sostenuto in quelle giornate: gioco e lavoro si fondono nel concetto di attività che realizza la persona. Un ideale senza dubbio difficile, ma da tenere per lo meno presente nelle scelte sia dei propri giochi sia del proprio lavoro.
È un ideale "eudemonistico", ossia di felicità, non certo edonistico né utilitaristico. L'utile è cercato in vista di altro: gioco e lavoro devono svolgersi per una "soddisfazione" propria che, però, non si riduce al piacere, perché spesso, anzi, ciò che dà più soddisfazione costa fatica e dolore.
In questo progetto vi è l'aspetto importante del "secondo rinascimento", cui, direttamente o indirettamente, si riferiscono anche gli altri brevi scritti – più o meno scherzosi – raccolti in questo volume.
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


182 pagine, € 20,00

212 pagine, € 15,49

225 pagine, € 30,00
» Tutti i libri dello stesso autore