Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata » Login | Registrazione
Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
In uscita
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici

Newsletter
Iscrivendoti alla mailing list di Spirali, sarai sempre informato sulle novità editoriali e sulle attività promosse dalla casa editrice.


Archivio newsletter

Feed RSS
Cosa sono?

Agenda
Atom Atom
Atom RSS

In uscita
Atom Atom
Atom RSS

Novità

Atom Atom
Atom RSS

Promozioni

Atom Atom
Atom RSS



Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


L'incapace, lo specchio morale del conformismo
Thomas Szasz
L'incapace, lo specchio morale del conformismo
Aggiungi alla wishlist
Anno: 1990
Pagine: 182
Prezzo: € 12,91
Dimensioni: cm 14,5x21,0
Legatura: brossura

Collana: l'alingua
ISBN: 8877702834

Estratto del libro
Thomas Szasz: "Come le acconciature e le canzonette, le terapie psichiatriche sono sopra tutto una questione di moda. Nel 1938, fu introdotto nella psichiatria l'elettrochoc, immediatamente salutato come una cura della schizofrenia. Ma, ben presto, ci si chiese: «Funziona?». Lo stesso accadde con la lobotomia. Il medico che l'introdusse ottenne perfino il premio Nobel, nel 1949 - massimo riconoscimento della nostra era scientifica -, ma la questione si ripropose: «Funziona?». L'ultimo capriccio della psichiatria è la deistituzionalizzazione, un termine professionale ridondante per non dire grottesco che designa la politica di trasferire i pazienti dagli ospedali psichiatrici in altri istituti di sorveglianza psichiatrica. Anche questo provvedimento, introdotto nella psichiatria una quindicina di anni fa [leggi 1985ca], è stato salutato come un avanzamento rivoluzionario. E ora la gente si chiede nuovamente: «Funziona?».
Come dice un vecchio proverbio inglese, a domanda stupida risposta stupida. Chiedersi se l'elettrochoc, la lobotomia o la deistituzionalizzazione funzionino è stupido, perché quel che simili domande presuppongono a proposito della malattia mentale e della sua ospedalizzazione è semplicemente falso...".
Quarta di copertina
In questo libro, Thomas Szasz analizza il tentativo di controllo, d'ingerenza, di monopolio dello stato in vari settori della ricerca, descrivendo le varie forme di complicità fra lo stato e la corporazione psichiatrica, come sistema di dominio sociale. Di tale complicità l'ospedale, il carcere, il tribunale e la scuola costituiscono il palcoscenico. Gli articoli qui pubblicati costituiscono anche la traccia della collaborazione, iniziata quindici anni or sono, di Thomas Szasz con il Movimento freudiano internazionale, con le sue riviste e con i congressi e i convegni da esso organizzati: ciascuna volta un appuntamento di parola e di scrittura".
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


393 pagine, € 30,00

114 pagine, € 15,49

315 pagine, € 20,00
» Tutti i libri dello stesso autore