Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata » Login | Registrazione
Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
In uscita
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici

Newsletter
Iscrivendoti alla mailing list di Spirali, sarai sempre informato sulle novità editoriali e sulle attività promosse dalla casa editrice.


Archivio newsletter

Feed RSS
Cosa sono?

Agenda
Atom Atom
Atom RSS

In uscita
Atom Atom
Atom RSS

Novità

Atom Atom
Atom RSS

Promozioni

Atom Atom
Atom RSS



Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Quando Benedetto divenne Bettino
Paolo Pillitteri
Quando Benedetto divenne Bettino
Aggiungi alla wishlist
Anno: 2007
Pagine: 311
Prezzo: € 25,00
Dimensioni: cm 14,0x21,5
Legatura: cartonato con sovracoperta

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877708106

Con la prefazione di Antonio Ghirelli.
In omaggio il dvd Milano, oh cara (1963), film inchiesta di Bettino Craxi, sceneggiatore e soggettista, con la regia di Paolo Pillitteri.
Estratto del libro
... lui era Bettino Craxi fin da giovanissimo, era cioè un politico a tutto tondo, non solo capo di un gruppo che si è mano a mano allargato (la squadra), ma un capo tout court, un leader con le idee chiare, anzi chiarissime. Dico questo, ma lo si può verificare nei suoi interventi, scritti, discorsi, attività, insomma, con la “sua” politica degli anni sessanta, anche perché, in una certa pubblicistica e saggistica di quegli ultimi anni, è invalsa la versione di un Craxi sui generis, di un politico che viene studiato a partire dal 1976, l'anno del Midas e della sua elezione a segretario del Psi...
Quarta di copertina
Tanto si è scritto di Bettino, poco di Benedetto.
Come se l'epoca che precede il 1976 non avesse contato nulla nella formazione del Craxi leader. Eppure, le basi erano già state gettate nella Milano del 1960.
Benedetto parte da qui per il lungo viaggio che lo porterà a guidare l'Italia. È qui che introduce il concetto di "squadra", di "noi", pressoché sconosciuto nella federazione socialista, di politica riformista come bussola; è qui che pensa a un partito "aperto" che coinvolga i laici.
Sul finire degli anni Cinquanta, Milano sembra attendere il risveglio come la Bella addormentata nel bosco, ma, allo stesso tempo, è la città che per prima istituisce in Italia l'assessorato all'Immigrazione. È la Milano con la nebbia profumata, di Rocco e i suoi fratelli, di Testori, Gaber, del cardinal Montini e di monsignor Pisoni. E del film Milano, oh cara, di cui Craxi è soggettista e sceneggiatore, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia del 1963.
La città di Benedetto diventa laboratorio politico nazionale, anticipando di ben tre anni il primo governo di centrosinistra. È un'operazione lungimirante, fortemente voluta da Craxi, che vede protagonista con lui Albertino Marcora, grande figura della Dc lombarda.
Questo libro è la testimonianza di uno "che c'era".
Attraverso episodi inediti, si rivela un Benedetto che ha grande stima degli avversari politici, sopra tutto d'area democristiana e comunista, un Benedetto laico ma non anticlericale, generoso verso chi necessita di solidarietà politica.
Già in questi anni è "autorevolmente autoritario" ed esprime posizioni chiare in politica estera: «I comunisti non sono a sinistra, sono a Est» ama ripetere, facendo proprio il celebre detto di Guy Mollet.
Dunque, Benedetto è fondamentale per il passaggio a Bettino. E la Milano che fa e produce, decide e realizza è protagonista con lui del cammino verso la modernizzazione e il cambiamento.
Nicolas Sarkozy ripete spesso: «L'immobilità è la morte». Benedetto Craxi detto Bettino l'ha anticipato di molti anni.
Echi di stampa
Contributi video
Video del libro Quando Benedetto divenne Bettino



Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


420 pagine, € 20,00

220 pagine, € 20,00

208 pagine, € 18,08
» Tutti i libri dello stesso autore