Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata » Login | Registrazione
Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
In uscita
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici

Newsletter
Iscrivendoti alla mailing list di Spirali, sarai sempre informato sulle novità editoriali e sulle attività promosse dalla casa editrice.


Archivio newsletter

Feed RSS
Cosa sono?

Agenda
Atom Atom
Atom RSS

In uscita
Atom Atom
Atom RSS

Novità

Atom Atom
Atom RSS

Promozioni

Atom Atom
Atom RSS



Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Perché il mondo arabo non è libero. Politica della scrittura e terrorismo religioso
Moustapha Safouan
Perché il mondo arabo non è libero. Politica della scrittura e terrorismo religioso
Aggiungi alla wishlist
Anno: 2008
Pagine: 199
Prezzo: € 30,00
Dimensioni: cm 14,0x21,5
Legatura: cartonato con sovraccoperta

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877708434

Echi dal Web
Agli Arabi servirebbe un Dante Alighieri (da lucacoscioni.it)
I limiti del pensiero politico islamico (da italoeuropeo.it)
La lingua del Corano inganna i musulmani (da ilgiornale.it)
La scrittura e il potere (a cura di Gianni de Martino)
Perché il mondo arabo non è libero (da ragionpolitica.it, a cura di Anna Bono)

Estratto del libro
Quando, una quarantina di anni or sono, ho incominciato a scrivere le pagine che costituiscono questo libro, non avevo alcuna idea delle relazioni tra la scrittura e il potere. L'inizio di questa impresa risale infatti al giugno 1967, dopo la sconfitta della guerra dei sei giorni che mi è apparsa come una sconfitta dell'insieme del terzo mondo, esclusa l'India.
È vero che l'Occidente aveva combattuto senza tregua i movimenti di liberazione del terzo mondo, senza attenersi ad alcun principio legale o umanitario. Ma è anche vero che il potere politico nei paesi del terzo mondo, esclusa l'India, era nelle mani di un solo dirigente. Nessun'altra voce tranne la sua poteva essere intesa, nessun'altra opinione poteva esprimersi; chiunque si avventurasse per le strade della dissidenza non aveva altro destino che la prigione o la morte.
Inoltre, sebbene la parola "liberazione" abbia sollevato grandi passioni tra le masse, passioni sempre sensibili negli scritti di Frantz Fanon, di per sé non faceva che indicare una meta, la liberazione dal colonialismo e/o dalle pressioni politiche esercitate dalle due grandi potenze dell'epoca, senza dire come raggiungerla né che cosa farne dopo che fosse stata raggiunta.
Quarta di copertina

Dall'inizio della storia, il potere politico in Medioriente ha sempre tratto legittimità dalla religione. Questo va di pari passo con la sacralizzazione della lingua della scrittura opposta alla lingua vernacolare e quotidiana e, perciò, con la subordinazione della scrittura a fini di prestigio e di sfruttamento. Lo stato islamico non fa eccezione. Ma, come ha dimostrato in modo inconfutabile lo sceicco 'Al 'Abd al-Razek, né il Corano, né i detti del Profeta contengono la minima indicazione sui principi di governo. Con un'impostura che raramente trova uguali nella storia politica dell'umanità, i governanti si sono serviti dell'ambiguità dell'espressione "successore del Profeta" per rivendicare il potere assoluto e mettere la religione sotto la ferula dello stato. Ne è risultato un modo di governare che si regge sulla corruzione, sulla repressione e sulla censura incarnata nella suddetta politica della scrittura.
Finché lo stato riesce nell'espletamento dei suoi compiti, il regime teocratico pare conforme all'ordine delle cose. Il suo fallimento non dà luogo a una rivoluzione ma a un terrorismo che giunge a contestare la sua legittimità. In effetti, i terroristi della nostra epoca fondano la loro contestazione su un dogma omicida con cui si autorizzano a ergersi giudici in materia di fede religiosa, arrogandosi un sapere che il Corano riserva espressamente a Dio.
Questo libro senza compromessi è un appello sia all'uso del vernacolo come lingua di cultura sia alla liberazione dell'islam dal giogo del potere temporale. In questo modo, abbozza un quadro sorprendente dello stato attuale della cultura nei paesi arabi.

Echi di stampa
Contributi video
Video del libro "Perché il mondo arabo non è libero"



Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


130 pagine, € 12,91
» Tutti i libri dello stesso autore